fbpx

5 cose da sapere sugli accessori moto aftermarket

28/09/2022
Lisa Cavalli
Pubblicato in: ,

Il mondo della personalizzazione è davvero vasto, specialmente nelle moto. In un’interessante diretta nella community di MissBiker, Biagio Calvaruso, titolare di Evotech ed esperto del settore, ha risposto a qualche nostra domanda sugli accessori aftermarket.

Perché mettere accessori aftermarket sulle nostre moto?

Prima di tutto per differenziare le moto una dall’altra. Si chiama personalizzazione perché si può scegliere di cambiare l’aspetto della propria moto e renderla unica.

Ma non è solo estetica ma anche funzionale. Per chi va in pista ad esempio sono consigliate carene in vetroresina, protezioni motore, tamponi para telaio (che non saranno aerodinamici ma che possono evitare grossi danni).

Per chi va in strada vale la stessa cosa per i tamponi e le protezioni motore.

Cosa sono, a cosa servono e dove si mettono i tamponi para telaio.

Sono degli accessori che vengono posizionati sul telaio per proteggere quanto più possibile la moto lateralmente in caso di caduta. Devono essere posizionati in punti molto solidi del telaio. Noi di Evotech preferiamo posizionare i tamponi tra l’attacco motore e il telaio con una vite M10/M12 (deve essere una vite elastica che in caso di caduta brusca si possa piegare ma non spezzare).

La cosa importante è che sia un tampone di qualità che salvi quanto più possibile la moto ma che inoltre non crei danni, come ad esempio strappare l’attacco del motore.

In alcuni casi i tamponi para carene si montano su delle staffe. Questa soluzione è la migliore perché la forza dell’impatto, oltre che sul tampone, si scarica anche sulla staffa.
Da preferire sono sempre i tamponi ammortizzati con la parte in plastica (tecnopolimero nel nostro caso) che fa scivolare la moto e ha un assorbimento d’urto.

Diversi sono i tamponi in metallo (alluminio – ergal) con cui si rischia che la moto possa puntare invece di scivolare sul terreno.

I contrappesi del manubrio. Cosa sono e a cosa servono?

Si tratta di piccoli pesi che vengono messi ai bordi del manubrio per limitare le vibrazioni. Il concetto è semplice: più si mette peso e più esso smorza le vibrazioni.
Poi ovviamente esistono contrappesi anche in alluminio che sono solamente estetici.

Quali sono gli accessori aftermarket più acquistati dai motociclisti?

A parte i tamponi para telaio e le protezioni motore spesso si cambiano:

  • porta targa
  • specchietti
  • leve
  • para radiatore
  • bulloneria
  • cupolino
  • manubrio
  • manopole
  • scarichi
  • sella

Il portatarga: come scegliere quello giusto?

Noi di Evotech abbiamo preferito creare un porta targa in polimero misto (alluminio / polimero) perché smorza un po’ di vibrazioni.

Quando acquistate fate attenzione a queste cose:

  • non sottovalutate l’importanza del porta targa e della sua qualità
  • su molti siti esteri si trova di tutto: a volte si tratta di porta targa per targhe diverse da quelle grandi italiane. Accertatevi che sia adatta al nostro paese
  • meglio scegliere un prodotto garantito made in Italy

Può capitare che porta targa di bassa qualità progettati male si spezzino mentre viaggiamo. Le conseguenze di ciò potrebbero essere:

  • nel migliore dei casi, la targa si stacca e riuscite a ritrovarla
  • perdete la targa e andate incontro a tutta la burocrazia del caso con perdita di tempo e denaro
  • parti del porta targa potrebbero finire sulla ruota causando danni non solo al mezzo ma anche al guidatore
  • la targa finisce addosso all’auto che vi segue o, peggio, al motociclista, causando grossi danni.

 

Abbiamo visitato l’azienda Evotech: leggi qui

Evotech è un’azienda trentina in grado di progettare e realizzare, per il mercato motociclistico, componenti aftermarket dall’alto contenuto tecnologico, ovviamente 100% Made in Italy.

Complimenti! Il tuo articolo è stato aggiunto al carrello!